Contratti telefonici: un algoritmo a tutela dei consumatori e delle aziende

La novità nel panorama di applicazione dello Speech Analytics, ideata da Almawave, per i contratti a distanza: il cittadino viene protetto da forniture non richieste e sa che cosa ha acquistato; le aziende vengono aiutate a seguire le linee guida Agcom ed evitano le multe 

Roma – 9 giugno 2016 – Prevenire forniture indesiderate per i cittadini e tutelare le aziende con un monitoraggio che assicuri il rispetto costante delle linee guida dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. E’ l’obiettivo della nuova soluzione ideata da Almawave per i contratti a distanza.

Dopo la lettura telefonica delle condizioni di vendita, un sofisticato algoritmo valuta la corrispondenza tra il testo scritto e quello recitato. Se i termini coincidono si procede con l’attivazione del servizio contrattualizzato, se è stato omesso o distorto qualcosa il contratto viene invalidato. E’ la soluzione Iride Voice V.O. (Verbal Ordering), una novità nel panorama di applicazione dello Speech Analytics, tecnologia in cui la società di innovazione tecnologica del Gruppo AlmavivA ha ottenuto riconoscimenti internazionali.

Il Verbal Order è una modalità di concludere un contratto a distanza, in particolare in via telefonica, sempre più diffusa. Vi si ricorre per la vendita di servizi telefonici e di pay-tv, di prodotti finanziari e per contratti di fornitura di servizi energetici: consiste nella registrazione di una conversazione in cui si svolge una transazione economica, che documenta la correttezza ed autenticità dell’ordine impartito. In casi diffusi è stata però riscontrata e verificata una non conformità tra quanto scritto nel contratto e quanto illustrato a voce. Iride Voice V.O. verifica tre tipologie di errori, l’inserimento a voce di parole non presenti nel testo del contratto, l’assenza di parole importanti o la sostituzione di alcuni termini. Mediante i sistemi di trascrizione automatica della voce e uno specifico algoritmo, il sistema assegna poi un punteggio al livello di accuratezza nella validazione tra testo e registrazione.

“Un sistema che garantisce il consumatore e tutela le aziende: questa nuova soluzione permette di trasformare radicalmente il processo di gestione dei contratti a distanza – commenta Valeria Sandei, Amministratore Delegato di Almawave – passando da controlli manuali e a campione a un monitoraggio automatico e completo di tutte le chiamate, evidenziando solo quelle che potenzialmente non rispondono ai requisiti necessari”.

Il livello di accuratezza, eventuali discrepanze o errori, informazioni varie e soprattutto l’esito del processo sul contratto vengono riportate in una sintesi grafica chiara e immediata e permettono la continuazione del processo, che può essere conclusa mediante comunicazione automatica dell’esito della transazione, al cliente finale. Quest’ultimo è quindi protetto da forniture non richieste e a conoscenza di quanto ha acquistato.