Chatbot & Natural Language IVR: l’esperienza Almawave a supporto di Open Data Trentino HackaBot 2019

Oggi si apre Open Data Trentino HackaBot 2019, la maratona di programmazione promossa dalla Provincia Autonoma di Trento e Open Data Trentino con il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

La due giorni promuove l’uso delle tecnologie per chatbot con l’obiettivo di diffondere la cultura del dato attraverso il riuso di dati aperti della pubblica amministrazione. L’edizione di quest’anno affronterà il tema della SDGR, la Single Digital Gateway Regulation entrata in vigore da dicembre 2018 per tutti gli stati membri dell’UE allo scopo di garantire un livello di informazione, assistenza e servizio di qualità per cittadini e imprese che intendano spostarsi in un paese europeo diverso da quello di nascita.

Grazie alla versatilità e all’immediatezza dei chatbot, sarà possibile sperimentare, in un contesto di “learning by doing”, molte dimensioni sottese al cambiamento digitale nella PA. Lo sa bene Almawave, una delle aziende protagoniste della trasformazione digitale del Paese che da tempo investe su Chatbot & Natural Language Interactive Voice Response. Gli esperti Almawave supporteranno i team composti da studenti e giovani ricercatori nello sviluppo di nuove idee per il miglioramento dei servizi offerti dalla Provincia di Trento.

Selezionata dai migliori analisti e citata in oltre 37 report per Speech Analytics, Text Analytics & Customer Experience Applications, Almawave gestisce oltre cento clienti nei settori della Pubblica Amministrazione, delle TelCo e Media, delle Energy e Utility, dei Servizi Finanziari e dei Trasporti. Con 200 professionisti, distribuiti tra le sette sedi fra Italia, Brasile e USA, e importanti collaborazioni scientifiche, Almawave offre soluzioni tecnologiche basate su tecnologia proprietaria per trasformare l’esperienza, i processi, il business, attraverso la semplicità della parola.